Sapere Scienza

Sapere Scienza
Andrea Frova

Andrea Frova

Andrea Frova, nato a Venezia, già Ordinario di Fisica Generale alla Sapienza, ha fatto ricerca nel campo della luce e delle proprietà ottiche dei semiconduttori. È autore di molte pubblicazioni scientifiche nelle maggiori riviste internazionali. Ha anche scritto testi di divulgazione, saggi musicologici e libri di narrativa. Ha vinto il "Premio Galileo per la divulgazione scientifica" nel 2008 con Se l'uomo avesse le ali (Rizzoli-BUR), e il "Premio Città di Como" con il saggio storico-scientifico Newton & Co. - Geni bastardi (Carocci 2015). Il suo ultimo libro è 
Il signore della luce. Gli incredibili esperimenti del professor Michelson (Carocci, 2020).

La misura precisa della longitudine in mare si è resa possibile solo dopo la metà del Settecento, in seguito alla costruzione, ad opera del falegname-orologiaio inglese John Harrison, di un orologio capace di dare l’ora corretta per lunghi intervalli di tempo e in condizioni ambientali avverse. Il problema era stato…
Ho appena finito di leggere l’articolo Musica “antimusicale”, pubblicato sull’ultimo numero di Sapere dal noto scienziato e musicologo britannico Philip Ball, che sulla quella rivista tiene regolarmente la bella rubrica L’istinto musicale (ispirata al suo libro omonimo). Finalmente una voce autorevole che afferma quanto io vado sostenendo da vari anni…
In precedenti articoli ho parlato della separazione ad opera di un prisma dei colori presenti nella luce bianca (rifrazione, di cui la manifestazione più celebre si ha nell’arcobaleno) e del meccanismo con cui il sistema occhio-cervello li percepisce. I colori sono infiniti, ma il nostro sistema visivo ne distingue solo…
Oggi parliamo di campi, ma diversi dai campi coltivati o da quelli di Venezia. Sulla presenza di campi attorno a noi, primi fra tutti quello gravitazionale e quello elettromagnetico – radio, televisione, cellulari, microonde – nessuno ha più dubbi: il termine “campo” fa parte ormai del comune vocabolario.   I…
Vi sono persone che ancora oggi studiano per realizzare il moto perpetuo, arrivando persino a presentare domande di brevetto. Anche a me sono talvolta pervenuti schemi di macchine perpetue isolate, con annessa sfida a spiegarne l’impossibilità. Un esempio di moto perpetuo? Una volta, ad esempio, venne a trovarmi in studio…

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.