Sapere Scienza

Sapere Scienza

Leggendo il titolo di questo articolo alcuni di voi avranno provato una sensazione di curiosità mista a disgusto. Ma come, esiste il trapianto di feci? Sì, è una sperimentazione presente già da un po' di anni ma, purtroppo, negli ultimi giorni è ritornata alla ribalta nelle cronache americane a causa della morte di un paziente. A cosa serve questa terapia? Cosa è andato storto nel caso recentemente diffuso dai giornali e dalla stessa FDA, Food and Drug Administration americana?

Sono numerose le ricerche che collegano il cervello e l'intestino e, ancora una volta, ci sarebbe qualcosa che accomuna i due organi. Sappiamo tutti dell'esistenza della flora batterica nel nostro intestino, microrganismi che vivono nel nostro corpo senza danneggiarlo. Anzi, sono coinvolti in differenti aspetti del benessere, influenzando le difese immunitarie e il corretto funzionamento dell'apparato digerente. Uno studio presentato in un poster per il meeting annuale della Society for Neuroscience, negli Stati Uniti, sembra fornire i primi indizi della presenza di un microbioma anche nel nostro cervello.

grandivoci 3 col

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.