Sapere Scienza

Sapere Scienza

Colonizzare Marte è uno dei sogni più arditi degli appassionati di scienza e un obiettivo ambizioso per i ricercatori di tutto il mondo. Da decenni stanno studiando il Pianeta rosso per capire se sia possibile renderlo in qualche modo abitabile. Su Nature Astronomy, un gruppo di scienziati ha pubblicato da poco un articolo in cui propone un approccio fattibile per rendere possibile quello che sino a ora è stato creduto improbabile.

Ci si gira intorno ma, quando si parla dell'inizio della vita sulla Terra, si finisce (quasi) sempre per citarli. I meteoriti, secondo un nuovo studio, potrebbero essere responsabili della vita sul nostro Pianeta: sarebbe stato proprio il loro impatto, le condizioni create dalle collisioni, a innescare la prima scintilla di vita sulla Terra.

La vita esiste anche a circa due chilometri e mezzo sotto la superficie della calotta glaciale antartica occidentale (in inglese "West Antarctic Ice Sheet"). In particolare, esiste in un lago che non ha mai visto la luce del sole per milioni di anni e che ospita micro-organismi che convertono ammonio e metano in energia necessaria alla crescita.

Pagina 1 di 2

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.