Stampa questa pagina

BLOG - Spazio e scuola

La curva dell'apprendimento

26 Maggio 2014

Anna sta terminando la III elementare, Luca la I. E io ripasso insieme a loro: proprietà dissociativa, associativa, i mari, i laghi, i fiumi, il ciclo dell’acqua, homo sapiens, Neolitico. Nessun problema, ho la fortuna di fare un mestiere che mi rallegra la cultura. Poi ho incontrato il Volvox. Mi è saltato letteralmente addosso, come un’impressione, un sentimento o un profumo del passato. Con la mia formazione astrofisica e umanistica, mi sono ritrovato a chiedermi che cosa diavolo fosse mai il Volvox e a dirmi, al tempo stesso, che lo sapevo benissimo. Lo sapevo, ma era un’idea così sfumata che… non riuscivo a elaborarla. Non ci facevo niente, era un’idea inerte, che non cullavo più da trenta anni.

Ecco, funziona così. No, non il Volvox, ma la curva dell’apprendimento. Sono stati recentemente pubblicati i risultati di uno studio – The Learning Curve, appunto – condotto dalla Pearson, la multinazionale britannica che con un fatturato di oltre 6 miliardi di euro è la più grande casa editrice a livello mondiale. Lo scopo? Identificare gli elementi fondamentali (gli universali educativi?) di un processo educativo efficace e il più possibile duraturo.

Con The Learning Curve diamo un contributo alla discussione globale sui risultati dei processi educativi per influenzare in modo positivo le politiche educative a livello locale, regionale e nazionale. I dati e le analisi aiuteranno i governi, gli insegnanti e i discenti a identificare gli elementi di una educazione efficace”.

In breve, il gruppo di lavoro ha messo insieme dati provenienti da indicatori molto diversi da loro (tasso di omicidi e risultati dell’indagine PISA, tanto per citarne due apparentemente agli antipodi) e ha compilato un esteso report, riassunto in 6 “lezioni” che riporto qui sotto.

È un po’ banale chiedersi se sia proprio un gruppo legato a una multinazionale l’organismo più indicato a dare indicazioni del genere. E quindi non mi soffermerò più di tanto su questo elemento. Meglio balzare, invece, alle conclusioni. O meglio, al riassunto delle conclusioni – con l’avvertenza che sarebbe meglio leggersi il report integrale, perché fra le righe possono esserci molte più cose di quelle non scritte nelle “lezioni”. 

Lezione 1

L’OCSE valuta che, nell’ultima decade, la metà della crescita economica nei paesi sviluppati derivi dal potenziamento delle abilità.

Lezione 2

Negli anni recenti è divenuto sempre più chiaro che le competenze di base di lettura, scrittura e aritmetica non sono sufficienti. L’importanza delle abilità non cognitive – definite in generale come quelle abilità importanti per l’interazione sociale – è molto pronunciata.

Lezione 3

Insegnare le abilità giuste fin dall’infanzia è molto più efficace di quanto non sia provare a migliorare le abilità in età adulta in coloro che non sono stati stimolati dal proprio sistema scolastico. Ma anche quando l’educazione primaria sia di alta qualità, le abilità dell’adulto – se non utilizzate regolarmente – declinano.

Lezione 4

Imparare per tutta la vita, anche solo leggendo a casa e lavorando con i numeri, aiuta a rallentare il declino delle abilità legato all’età; questo è vero soprattutto per coloro che partono già da abilità molto alte. Insegnare agli adulti serve a poco se si deve compensare un sistema scolastico scarso.

Lezione 5

La tecnologia fornisce nuovi metodi per insegnare agli adulti, in particolare nei paesi sviluppati. Ma non è una panacea. Non è dimostrato che la tecnologia da sola aiuti i singoli a sviluppare davvero nuove abilità.

Lezione 6

I paesi in via di sviluppo devono insegnare le abilità di base in modo più efficiente prima di occuparsi di allargare l’offerta delle abilità. Ha poco senso investire in pedagogia e tecnologia per promuovere le abilità del XXI secolo, quando ancora mancano le capacità di far di conto e i rudimenti dell’alfabetizzazione.

Vorrei raccogliere un po’ delle vostre impressioni. Nel prossimo post, vi racconto le mie. 

 

Alcuni link per chi vuole approfondire:

Ultimi da Stefano Sandrelli

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.