Sapere Scienza

Sapere Scienza

Scoperto il gene del fumatore?

21 Aprile 2015

I fumatori che sono portatori di una specifica variante genetica hanno maggiori probabilità di fumare più a lungo e di ricevere prima una diagnosi di cancro al polmone. "Le persone che posseggono questa mutazione impiegano, mediamente, quattro anni in più per smettere di fumare" ha spiegato Li-Shiun Chen, autore dello studio, della Washington University di St. Louis. A quanto si legge sul Journal of the National Cancer Institute, gli scienziati hanno analizzato 24 studi che, nel complesso, riguardavano 29mila fumatori: quelli con una particolare mutazione a carico del gene CHRNA5, un recettore della nicotina, avevano una maggiore probabilità di fumare per più tempo e di ammalarsi prima (circa quattro anni) di cancro al polmone. In particolare, la variante genetica aveva un effetto macroscopico: chi ne era portatore tendeva a inalare più profondamente mentre fumava. "Nei soggetti con cancro al polmone - prosegue Chen - la diagnosi interveniva mediamente a 65 anni. In presenza di mutazione genetica rischiosa, invece, la diagnosi si aveva già a 61 anni".
Il cancro al polmone è quello più comune a livello globale, e costituisce oltre il 13 per cento dei casi di cancro, contribuendo per il 27 per cento ai decessi per cause tumorali.

copertina   marzo-aprile 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.