Sapere Scienza

Sapere Scienza

Le memorie perdute si recuperano... con la luce

1 Giugno 2015

Un gruppo di ricercatori del prestigioso Massachusetts Institute of Technology è stato capace di recuperare memorie che erano state smarrite a causa di amnesia attivando cellule cerebrali tramite la luce. La tecnica utilizzata, chiamata optogenetica, è stata descritta sull'ultimo numero della rivista Science. La scoperta rinfocola il dibattito sulla reale natura dell'amnesia. I neuroscienziati, per molti anni, si sono infatti chiesti se l'amnesia retrograda, che segue incidenti, stress o malattie come l'Alzheimer, fosse causata da un danno a specifiche cellule cerebrali che diventavano incapaci di immagazzinare la memoria, oppure se, semplicemente, fosse dovuta a un blocco nell'accesso alle memorie perdute. "La maggior parte dei ricercatori era a favore della prima teoria - spiega Susumu Tonegawa, principale autore dell'articolo - ma il nostro studio dimostra che probabilmente si sbagliavano". Gli scienziati sono riusciti a ripristinare memorie contenute in un gruppo di neuroni dell'ippocampo attraverso strumenti optogenetici che agiscono immettendo particolari proteine nei neuroni in modo da permettere loro di attivarsi a fronte di una stimolazione luminosa.

 

[Immagine: illustrazione di Christine Daniloff/MIT]

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.