Sapere Scienza

Sapere Scienza

Mandibola fossile retrodata il genere Homo di 400 mila anni

5 Marzo 2015

Un fossile di mandibola ritrovato nell'area di Ledi-Geraru, nella Regione degli Afar, Etiopia, potrebbe spostare le origini della comparsa del genere Homo fino a 2 milioni e 800 mila anni fa, circa 400 mila anni prima dell'epoca suggerita dal più antico fossile di Homo conosciuto finora, che risale a 2,3-2,4 milioni di anni fa. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science.

Il ritrovamento è opera di un team internazionale di archeologi guidato da Kaye E. Reed, Christopher J. Campisano e J. Ramón Arrowsmith della Arizona State University, ed è avvenuto nel 2013. Finora, i fossili africani rinvenuti, relativi al genere Homo, non erano riusciti a mettere d'accordo gli studiosi sull'epoca di origine della nostra specie. Il nuovo fossile ritrovato in Etiopia mostra cambiamenti caratteristici nella mandibola e nei denti che risalgono a soli 200 mila anni dopo il tempo del più recente fossile noto di Australopithecus afarensis (conosciuto come Lucy) del vicino sito etiope di Hadar. Il fossile di Ledi-Geraru presenta la parte sinistra di una mandibola, con cinque denti. Le analisi condotte hanno rivelato poi diverse caratteristiche, come premolari simmetrici e molari sottili, che contraddistinguevano le prime specie di Homo, come Homo habilis, differenziandole dall'Australopithecus.

 

[Immagine: credit K. Reed]

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.