Sapere Scienza

Sapere Scienza

Un nuovo sistema per capire come invecchiano i documenti antichi

4 Giugno 2014

Da un lavoro congiunto di ricercatori polacchi e italiani, in particolare dell'Università di Tor Vergata di Roma e dell'Università Jagellonica di Cracovia, Polonia, arriva un nuovo sistema che quantifica la concentrazione delle molecole cromofore, ossia delle molecole che assorbono la luce, presenti negli antichi documenti. L'obiettivo dello studio, pubblicato sulla rivista Applied Physics Letters, è capire se il documento si sta o meno degradando a una velocità eccessivamente elevata. Alle cromofore si deve infatti l'ingiallimento della cellulosa contenuta nella carta. Il nuovo metodo è stato messo alla prova su un celebre capolavoro di Leonardo, il ritratto con gesso rosso su carta, che risale ai primi anni del '500 e che alcuni ritengono essere un autoritratto. 

 

Per arrivare a quantificare la velocità con cui quest'opera sta invecchiando, i ricercatori hanno sfruttato uno spettroscopio di riflettanza che ha permesso di ottenere gli spettri di riflettanza ottica dei campioni di carta esaminati, nelle lunghezze d'onda del vicino infrarosso, del visibile e del vicino ultravioletto. Sulla base di queste misurazioni, alcune simulazioni al computer sviluppate mediante principi di meccanica quantistica hanno consentito di calcolare lo spettro di assorbimento ottico dei cromofori della cellulosa. In questo modo, è risultato che il tipo di cromofori presenti nel ritratto con gesso rosso su carta è "simile a quello trovato in campioni di carta antichi e moderni maturati in ambienti estremamente umidi o all'interno di ambienti chiusi risalenti al 1500, esattamente in accordo con la sua storia documentata" ha commentato Mauro Missori, dell'Istituto per i Sistemi complessi del Cnr di Roma e tra gli autori dello studio.

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.