Sapere Scienza

Sapere Scienza

Un rapido cambiamento climatico contribuì a far sparire i mammut

28 Luglio 2015

Una nuova ricerca ha rivelato che, in passato, fu un rapido riscaldamento climatico, simile a quello indotto attualmente dall'uomo, a giocare un ruolo chiave in eventi di estinzione di massa di grandi animali come i mammut (la cosiddetta megafauna). Lo studio dell'Università di Adelaide, Australia, è stato pubblicato su Science.

Gli scienziati hanno utilizzato tecniche avanzate nell'analisi di DNA fossile e nella datazione al radiocarbonio, oltre ad altri record geologici: i risultati hanno mostrato che brevi e rapidi eventi di surriscaldamento registrati durante l'ultima era glaciale (o Pleistocene, tra 60 e 12 mila anni fa) hanno coinciso con importanti eventi estintivi, che si sono verificati prima della comparsa dell'uomo. Inoltre, i ricercatori hanno anche scoperto che i periodi estremamente freddi non sembravano corrispondere con queste estinzioni.

"Un rapido riscaldamento può aver avuto un profondo impatto sul clima, con cambiamenti importanti sulla distribuzione globale delle precipitazioni e sulla vegetazione mondiale" ha spiegato Alan Cooper, tra gli autori dello studio. La ricerca aiuta a comprendere ulteriormente l'improvvisa scomparsa dei mammut e bradipi giganti che si estinsero circa 11 mila anni fa, alla fine dell'ultima era glaciale. "Il brusco riscaldamento del clima ha causato enormi cambiamenti per l'ambiente, e l'ascesa degli esseri umani ha dato il colpo di grazia a una popolazione di animali che era già sotto stress" ha concluso Chris Turney, che ha contribuito allo studio.

 

 [Immagine: vertebra di mammut nel ghiaccio, credit Kieren Mitchell, University of Adelaide]

copertina   marzo-aprile 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.