Sapere Scienza

Sapere Scienza

Ma come fanno i bio-sensori? Ce lo dice Einstein

24 Giugno 2022 di 

Capire come una molecola possa propagarsi in un fluido biologico e raggiungere in pochi minuti l’interfaccia sensibile di un dispositivo mille miliardi di volte più grande è un rompicapo che negli ultimi anni ha dato vita a un intenso dibattito scientifico. Risolvere l’enigma e aprire la strada allo sviluppo di bio-sensori elettronici sempre più efficaci è quanto hanno fatto ricercatori dei  Dipartimenti Interuniversitario di Chimica, Fisica, Farmacia-Scienze del Farmaco dell’Università di Bari, dell’Istituto di cristallografia (CNR-IC) e della sede barese dell’Istituto di fotonica e nanotecnologie (CNR-IFN) del Consiglio nazionale delle ricerche. La ricerca è stata pubblicata su Advanced Science, rivista internazionale a elevato impact factor.
La spiegazione è stata ottenuta sviluppando un modello basato sulla teoria di Einstein per la diffusione di particelle soggette al moto browniano. Secondo il modello, un singolo antigene di immunoglobulina (IgG) in acqua è soggetto a un incessante moto disordinato a causa dei frequentissimi urti con le molecole. L’analisi statistica mostra che in soli 10 minuti, grazie al moto browniano, la molecola può esplorare un volume pari a qualche decimo di millimetro cubo mentre ruota velocemente esponendo diversi siti di legame; questo è sufficiente per garantire l’interazione efficace con uno dei moltissimi anticorpi presenti sull’interfaccia attiva del sensore. Il risultato ottenuto ha enorme rilevanza per lo sviluppo di bio-sensori elettronici efficaci per la rivelazione precoce di patologie e per la medicina di precisione.

 

La ricerca che aiuta la prevenzione


Nelle fasi asintomatiche che precedono l’insorgenza di patologie gravi, quali i tumori, le malattie neurodegenerative o il COVID-19, nei fluidi biologici del corpo umano sono presenti solo pochissimi bio-marcatori o patogeni. La loro rivelazione tempestiva consentirebbe realmente una diagnostica precoce e permetterebbe di trasformare radicalmente l’approccio medico da curativo a preventivo. Rivelare poche molecole ultra-diluite in un fluido utilizzando i dispositivi nanometrici esistenti è possibile, ma richiede settimane o mesi, poiché la probabilità di incontro e interazione fra un bio-marcatore e un nano-sensore, entrambi di dimensioni dell’ordine del nanometro (1 miliardesimo di metro), è infinitamente bassa nel volume di un campione di sangue o saliva da analizzare (un decimo di millilitro).
Sorprendentemente, diversi recenti esperimenti hanno dimostrato che, se invece di un nano-dispositivo, si utilizzano sensori aventi interfacce di millimetri, tappezzate con un grandissimo numero (mille miliardi) di anticorpi di cattura, è possibile rivelare la presenza di una singola molecola finanche in decimi di millilitro, nel giro di pochi minuti.

 

 

 

Rivelare patogeni con i sensori SiMoT


Questo lavoro fuga un preconcetto diffuso in ambito scientifico, ovvero la generalizzazione dell’esistenza della cosiddetta barriera di diffusione. Infatti, questo limite riguarda solo i sensori con interfacce nanometriche, che risultano inadatti per impieghi su campioni reali. Invece, i sensori SiMoT (Single Molecule large area Transistor) possono rivelare patogeni a concentrazioni ultra-basse in tempi di qualche minuto e sono quindi estremamente promettenti per una nuova generazione di bio-sensori. Inoltre, è evidente come per aggredire problemi complessi a livello molecolare in sistemi reali sia di grande efficacia un approccio multidisciplinare basato su fisica dei dispositivi elettronici, fisica statistica, chimica analitica, dinamica molecolare e nanotecnologie.



Riferimenti: Eleonora Macchia, Liberato De Caro, Fabrizio Torricelli, Cinzia Di Franco, Giuseppe Felice Mangiatordi, Gaetano Scamarcio, Luisa Torsi, “Why a Diffusing Single‐Molecule can be Detected in Few Minutes by a Large Capturing Bioelectronic Interface”, Advanced Science (2022): 2104381.

Gaetano Scamarcio

Gaetano Scamarcio è professore ordinario di Fisica della materia, optoelettronica e nanotecnologie presso il Dipartimento Interuniversitario di Fisica dell'Università degli Studi di Bari dal 2002. È stato ricercatore presso i Bell Labs, Lucent Technologies e AT&T, Murray Hill, NJ, USA e presso il Max-Planck-Institute for Solid State Physics, Stoccarda. Esperto di fisica dei materiali quantistici e dei dispositivi fotonici e opto-elettronici, è membro della commissione di esperti per la scrittura del Programma Nazionale della Ricerca (PNR 2021-2027).

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.