Sapere Scienza

Sapere Scienza

Vaccini: vecchi amici, nuovi alleati

11 Novembre 2021 di 

Sono un veterinario che per quasi vent’anni ha insegnato Patologia generale e Fisiopatologia veterinaria all’Università di Teramo. Per questo, mantenendo fede all’identità culturale appannaggio della categoria professionale cui mi vanto di appartenere, mi preme sottolineare che l’origine storica delle prime Facoltà di Medicina Veterinaria nel Vecchio Continente – nate in Francia e in Italia a partire dalla seconda metà del XVIII secolo – si deve alla peste bovina. Questa malattia, sostenuta da un virus imparentato con quello del morbillo e che illo tempore era causa di gravissime perdite fra le mandrie di mezza Europa, è stata dichiarata ufficialmente eradicata a livello globale nel 2011 – a distanza di 250 anni esatti dall’istituzione della prima Facoltà di Medicina Veterinaria, nel 1761 a Lione – grazie alle campagne di vaccinazione effettuate sulla popolazione bovina.
Analoga sorte è toccata al vaiolo, anch’esso debellato su scala planetaria nel 1980 grazie alle vaccinazioni di massa della popolazione umana.

 

Vaccino: la migliore arma contro le varianti del SARS-CoV-2


Ai giorni nostri il “nemico pubblico” da combattere si chiama SARS-CoV-2, il betacoronavirus che ha sinora mietuto oltre 5 milioni di vittime nel mondo. Gli efficaci vaccini di cui disponiamo a distanza di un solo anno dall’identificazione del virus (quasi un miracolo!) costituiscono, come è ben noto, una formidabile arma nel contrasto alla sua diffusione, in particolare a quella delle forme gravi e a esito letale.

 

banner abbonamento articoli

 


Di contro, la mancata vaccinazione di ampie fette di popolazione, oltre a “mettere le ali” al virus (come sta avvenendo in diversi Paesi dell’Est Europa), si traduce di fatto in un accresciuto rischio di comparsa di nuove varianti, non di rado più contagiose o patogene rispetto a quelle circolanti, come chiaramente testimoniato dalle varianti delta, delta plus, lambda e mu, di gran lunga prevalenti e dominanti nella scena epidemiologica in molti Paesi, se non addirittura in interi continenti.

 

Il ruolo degli animali nella comparsa di nuove varianti


In un siffatto contesto, non andrebbe parimenti tralasciato il ruolo che gli animali potrebbero giocare nell’insorgenza di nuove varianti virali. Da un lato, infatti, il range delle specie suscettibili nei confronti dell’infezione da SARS-CoV-2 appare in progressiva espansione, come recentemente dimostrato dai cervi a coda bianca (Odocoileus virginianus) nella regione nord-orientale degli Stati Uniti d’America; dall’altro lato, l’emblematico precedente rappresentato dagli allevamenti intensivi di visoni nei Paesi Bassi e in Danimarca (di cui abbiamo parlato qui) – ove ben 17 milioni di questi animali sono stati abbattuti – dovrebbe essere adeguatamente enfatizzato. Nei visoni allevati in questi due Paesi è stata accertata già nel 2020, infatti, la presenza di una nuova variante di SARS-CoV-2, denominata cluster 5 e contraddistinta dalla mutazione Y453F a livello della glicoproteina spike, selezionata a seguito della pregressa acquisizione del virus umano da parte dei visoni, che gli animali avrebbero quindi “restituito” all’uomo.
Ricordiamolo, Historia magistra vitae! Facciamo tesoro degli insegnamenti della storia…

Giovanni Di Guardo

Giovanni Di Guardo si è laureato in Medicina Veterinaria nel 1982 presso l'Università di Bologna e ha ottenuto nel 1995 la qualifica di "Diplomato del Collegio Europeo dei Patologi Veterinari". Già Docente di Patologia Generale e Fisiopatologia Veterinaria presso l'Università degli Studi di Teramo, è autore di oltre 500 lavori scientifici, 150 dei quali pubblicati su riviste internazionali peer-reviewed. Nutre uno spiccato interesse nei confronti della patologia comparata e della ricerca sulle malattie animali quali potenziali modelli di studio nei confronti delle controparti lesive proprie della specie umana, come l’infezione da SARS-CoV-2.

copertina   novembre-dicembre 2021

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

grandivoci 3 col

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.