Sapere Scienza

Sapere Scienza

Henrietta Swan Leavitt: una mostra per ricordare l’astronoma

10 Febbraio 2021 di 

La statunitense Henrietta Swan Leavitt (1868-1921) ha rivoluzionato la storia dell’astronomia e della cosmologia, ponendo le basi per l’astronomia moderna. Eppure, come molte donne dell’epoca, è rimasta dietro le quinte per tutta la vita.

 

Chi era Henrietta Swan Leavitt?


Lavorava come “computer umano”, una delle donne “calcolatrici” che misuravano e catalogavano le osservazioni stellari all’Osservatorio di Harvard gestito da Edward Pickering.
Non poteva usare il telescopio – era pur sempre una donna e come tale, si pensava allora, limitata nel suo raggio di azione – ma si guadagnò l’attenzione di Pickering per come svolgeva il suo lavoro; di conseguenza venne messa a catalogare le stelle variabili, ossia quelle stelle che modificano la propria luminosità nel tempo. Divenne presto la sovrintendente dell’importante progetto del catalogo Draper.

 

Il legame tra luminosità e periodo di una stella


Nel 1912, dopo aver studiato e identificato 1777 stelle variabili, in particolare le cosiddette Cefeidi, finalmente scrisse le sue conclusioni descrivendo la correlazione esistente tra luminosità e periodo di una stella: il logaritmo del periodo è direttamente correlato al logaritmo della luminosità della stella. Questa relazione periodo-luminosità è detta appunto legge di Leavitt e ha permesso di fare enormi progressi nel calcolare le distanze stellari.
Lottando con problemi familiari e di salute, oltre che con i pregiudizi legati all’essere donna, si fece conoscere per la sua scrupolosa dedizione: era considerata da molti colleghi “la migliore mente” dell’Osservatorio di Harvard, e forse tra le più brillanti al mondo.

 

Un Nobel mancato


Secondo i più importanti astronomi dell’epoca, Hubble in primis, risultati così fondamentali avrebbero meritato il Nobel; e il matematico svedese Mittag-Leffler la propose addirittura ufficialmente per il premio, peccato che Henrietta fosse morta pochi anni prima.
A lei sono però dedicati un cratere della Luna e l’asteroide 5383 Leavitt.

 

A Firenze una mostra in onore di Henrietta Swan leavitt


Dal 2013 Design of the Universe dedica ogni anno diversi progetti alle donne e al loro status nella società contemporanea, analizzato attraverso il prisma dell’arte e della cultura contemporanea. Le Giornate Internazionali rappresentano occasioni per riflettere sulla disuguaglianza: guardare indietro nel tempo permette di ricordare le numerose imprese compiute da donne straordinarie in vari settori nel passato.
La storia di Henrietta Swan Leavitt, quasi dimenticata, ci incoraggia a proseguire su questo cammino e proiettarci verso un futuro che trae vantaggio dalle formidabili lezioni di coloro che ci hanno precedute.
Come già il progetto precedente sulla matematica Ada Lovelace Byron, anche questo progetto ideato e curato da Elisabeth Vermeer, diffonde nel modo più ampio i fatti storici legati all’evoluzione della scienza, ma non perde la sua matrice semiotica. Lo dimostra il titolo preso in prestito da Shakespeare (Amleto, secondo atto, seconda scena): «Doubt thou the stars are fire». William Shakespeare è infatti dalla parte della scienza, lo afferma l’astronomo Peter Usher, della Pennsylvania State University, che vede in Shakespeare un precursore del nuovo ordine universale e della posizione dell’uomo in questo sistema.
Il progetto si svolge contemporaneamente in due versioni. Per ricordare l’importanza vitale di mostrare l’arte in presenza del pubblico, la Galleria Immaginaria e Libreria Punto Einaudi in Via Guelfa, a Firenze, si è resa disponibile a ospitare due mostre degli artisti Mick Finch, docente della University of the Arts, Central Saint Martin di Londra, e Marilena Faraci, artista e psicoterapeuta, dall’11 al 21 febbraio 2021.
Allo stesso tempo Design of the Universe presenta un video-catalogo che contiene i contributi scientifici e culturali dedicati a Henrietta Swan Leavitt, con la conferenza dell’astrofisica Francesca Matteucci (Università di Trieste, INAF e Accademia dei Lincei), che si occupa frequentemente, al di là della sua ricerca, anche del ruolo delle donne in astronomia.

 

I collaboratori del progetto


Contribuisce al progetto l’astrofisica Ginevra Trinchieri (INAF Osservatorio Astronomico Brera, Milano) con un intervento sulla situazione delle scienziate e delle ricercatrici in astronomia. Parlano dell’eccellenza delle scienziate Silvia Garambois e Luisiella Sevesi (GiULia Giornaliste, Roma).
Offrono un valore aggiunto molti artisti e attori di Paesi diversi: Patrizia Battaglia, Silvia Bibbo, Uri De Beer, Cri Eco, Eric Nicholson, Farzaneh Rostami, Claire Jeanine Satin, Silvia Zambarbieri, Salvio Capuano, i fotografi di FotoPoesia, Genova con Carlo Accerboni, Fabrizio Cillo, Antonio Di Pace, Riccardo Grezar, Silvia Patruno, Rossella Sommariva, Gian Luigi Suman; le poetesse Milena Buzzoni, Laura Cecilia Garavaglia, Martina Mei, Serena Vestene, Marisa Tumicelli; i cantori Rossana Damianelli e Paolo Fabbroni.
Patrocini e collaborazioni: Università di Trieste; INAF Osservatorio Astronomico Trieste; Accademia dei Lincei; Planetario di Bari; Osservatorio Astronomico di Genova e Astrofili di Montelupo; Università Danilo Dobrina della Terza Età, Trieste; Circolo della Stampa, Trieste; The British Institute of Florence; Deutsches Institut Florenz; D’Iside, Firenze; Casa delle Donne del Mediterraneo, Bari; Matria di Puglia; Donne Inquiete, impegnato dal 2012 nella realizzazione di progetti legati al ruolo delle donne nel campo dell’arte e della scienza. Pubbliche Relazioni Calliope Bureau.

Elisabeth Vermeer

Architetto del paesaggio, storico dell’arte e dell’architettura, semiologa, formatasi a Parigi, Vienna e Boston. Cosmopolita convinta, fondatrice dell’Atelier Design of the Universe che si occupa della realizzazione e della divulgazione di progetti interdisciplinari. Ha fondato lo studio gemello di Design of the Universe dedicato a “green projects”, con il brand Design for Everyday Life.

Ultimi da Elisabeth Vermeer

copertina   luglio-agosto 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.