Sapere Scienza

Sapere Scienza

L’editing genomico CRISPR ci permetterà di “disattivare” il dolore cronico?

9 Giugno 2021 di 

In un prossimo futuro saremo in grado di “spegnere” il dolore cronico? Recenti studi suggeriscono di sì! Ciò sarebbe possibile grazie a CRISPR, una terapia genica che è valsa il Nobel per la Chimica 2020 alle sue inventrici: la microbiologa Emmanuelle Charpentier e la chimica Jennifer Doudna.

Il dolore cronico, secondo alcune stime, interessa circa il 30% della popolazione mondiale. Se costante, può diventare limitante e avere conseguenze negative sulla salute mentale.
Chi di noi non sarebbe contento, svegliandosi una mattina e rendendosi conto che un dolore che si protrae da tempo è svanito? Purtroppo, disattivarlo definitivamente avrebbe conseguenze negative, non facendoci rendere conto di qualcosa che ci fa male e, quindi, impedendoci di eliminare la fonte del nostro disagio.
Ed è qui che interviene CRISPR.

 

Come funziona CRISPR?


Questa tecnica di “editing genomico” sfrutta un enzima denominato Cas9 che, come fosse un agente segreto armato di forbice, è in grado di entrare nelle cellule (senza che queste attivino i propri “sistemi di sicurezza”) e “tagliare” frammenti ben definiti di DNA.
Infatti, Cas9 è in grado di riconoscere e legarsi con precisione a un bersaglio definito. Con queste capacità, si è in grado di disattivare geni target.

 

Cosa c’entra tutto questo con il dolore cronico?


Ana Moreno e Prashant Mali, insieme ai colleghi dell’Università di San Diego, hanno pensato di sfruttare una versione modificata dell’enzima Cas9, detta dCas9, capace di riconoscere e legarsi al DNA senza tagliarlo. L’esperimento è stato svolto su topi di laboratorio.

 

banner abbonamento articoli

 


Ma qual è il target della loro “missione”? Un canale cellulare del sodio (Nav1.7), che quando è mutato può determinare un dolore estremo e costante o, al contrario, la sua totale assenza.
Osservato ciò, il gruppo di lavoro ha pensato di “attaccare” a dCas9 una seconda proteina, che viene definita repressore, in quanto è capace di “spegnere” il gene necessario per l’espressione e per il funzionamento dei canali Nav1.7.
Il repressore e dCas9 sfruttano un virus inattivo (detto virus adeno-associato), in grado di entrare nelle cellule e rilasciare questo innovativo “pacchetto CRISPR”, pronto per mettersi all’opera.
Sfruttando stimoli potenzialmente dolorosi sui topi soggetti all’esperimento, si è osservato come questa terapia determinasse un effetto analgesico, con una durata complessiva di 15-44 settimane per dolori indotti da chemioterapia e infiammazione, rispettivamente. Oltre ciò, non sono stati osservati effetti collaterali, ma è necessario che l’osservazione prosegua. È importante che questo beneficio possa permanere a lungo termine ma che non sia definitivo, irreversibile.
I risultati sono ancora preliminari, ma non sarebbe utile avere la possibilità di ricorrere a questa terapia, ad esempio nei casi di patologie debilitanti?

Matteo Galasso

Matteo Galasso è laureato in biotecnologie e appassionato di comunicazione. Ha frequentato il corso "Comunicare la Scienza"  dell’Università di Bari e attualmente è a Cracovia per un progetto del Corpo europeo di solidarietà (ESC), dove svolge l'attività di social media manager e organizzatore di eventi in un'associazione per lo sviluppo e l'integrazione giovanile.

copertina   marzo-aprile 2022

  COMPRA IL NUMERO

 
  ABBONATI

 
  SOMMARIO

 
  EDITORIALE

bannerCnrXSapere 0

like facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più consulta l'informativa estesa. Cliccando su ok acconsenti all'uso dei cookie.